borcpanevin Nel gonfalone del borgo viene rappresentato il falò allestito nella notte dell’epifania, la gente raccolta attorno al fuoco e lo stupore dei bambini. La direzione del fumo del falò del “Pan e Vin” era importante per capire come sarebbe andata l’annata.Il nome del borgo deriva dalla tradizione di accendere, la notte dell’epifania, il falò del “Pan e Vin”; usanza molto antica, probabilmente ha origine nel periodo in cui i Celti Carni popolavano il Friuli. Secondo il messaggio cristiano, i grandi falò sarebbero dovuti servire ad illuminare la via ai Re Magi, oltre che a rappresentare la luce cristiana in opposizione alle tenebre pagane. Un proverbio indica la lettura del fumo del “pan e Vin”: se il fum al va a’ sorèli jevât, cjape il sac e va al marcjat; se il fum va a’ sorèli a mont, cjape il sac e va pal mont. Uno degli elementi più caratteristici del borgo e del paese è l’andronute, stretto passaggio che collega due vie, che si racconta dovesse consentire alle monache di recarsi da via Ellero alla chiesa.

piantinapanevin

Le nostre news!

Musicup

Questo sito utilizza cookie.
Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo.